Cos'è questo? Da questa pagina puoi usare i link ai Web Sociali per salvare Il Palatone di San Sebastiano al Vesuvio in un servizio di social bookmarking, o usare il form per inviare via E-mail un link del post a chi preferisci.

Web Sociali

Invia e-mail

E-Mail
maggio 22, 2011

Il Palatone di San Sebastiano al Vesuvio

Scritto in: Categoria Generale

I fornai di S. Sebastiano al Vesuvio, un comune alle pendici del Vesuvio, in provincia di Napoli, sono considerati dei maestri nella produzione delle forme di pane che hanno preso il nome dal comune stesso. Il pane di San Sebastiano ha visto negli anni mantenere invariate le regole produttive e gli ingredienti utilizzati così da rimanere un prodotto genuino e di altissima qualità.Il palatone di San Sebastiano ha forma allungata e altezza superiore alla base; per preparalo si utilizza farina di grano tenero, lievito di birra, acqua, rigorosamente locale (ed è proprio questo elemento che rende il prodotto inproducibile altrove) e la giusta dose di sale. La farina viene aggiunta al lievito di birra sciolto in acqua tiepida e il composto viene lasciato lievitare per diverse ore. La pasta viene poi modellata in forme dal peso che può variare dal mezzo chilogrammo a due kg che vengono cotte in forno caldo a legna. Le caratteristiche del pane di San Sebastiano sono la crosta sottile e dorata e la deliziosa mollica bianca, che si conserva fragrante per parecchi giorni. Oltre che nei negozi della zona, il pane viene spesso venduto dagli ambulanti la domenica mattina.Tratto da: Regione CampaniaIl Palatone di San Sebastiano al Vesuvio

  • Share/Bookmark

Ritorna a: Il Palatone di San Sebastiano al Vesuvio